19 Set

Gli investimenti migliori per un imprenditore

Fare impresa nel 2017: dove conviene investire? Quali sono i migliori investimenti per un imprenditore che non voglia rischiare troppo in questi tempi di crisi economica? Premessa: i rendimenti degli investimenti sono in calo, dunque mai come oggi è meglio non improvvisarsi guru della finanza e mettere mano al portafoglio. Ci sono ad esempio un paio di investimenti “datati”, che andavano bene per le generazioni precedenti ma ora rischiano di provocare solo dei flop: i Conti Deposito non godono certo della reputazione di un tempo e i i Buoni Fruttiferi Postali hanno oggi un rendimento molto più basso rispetto al passato.

Capitolo “Settore Immobiliare“: storicamente un grande cult degli investimenti sicuri, soprattutto in Italia. Come si è evoluto però nel corso degli anni? Dopo aver conosciuto un vero e proprio boom ha vissuto anche un periodo di stagnazione. Ora, dopo anni di magra, sembra che il settore sia in ripresa: meglio comunque valutare un investimento sul lungo periodo.

Ci sono poi gli investimenti sui Conti di Deposito: in questo caso i guadagni/interessi sono davvero minimi, tuttavia anche il rischio è prossimo alla zero. Se vi intrigasse questa soluzione, la migliore offerta in tal senso attualmente è quella di Santander Consumer Bank, che consente di guadagnare circa l’1,8% sui depositi a 36 mesi con zero rischi (in soldoni: vincolando una cifra pari a 30 mila euro si ricavano quasi 1200 euro).

Investire in obbligazioni: anche in questo caso ci sono pochi rischi. Non serve avere grande esperienza nel settore però occorre tenere conto almeno di questi fattori: rating, tasso d’interesse, durata e valuta.

Com’è messo invece il mercato azionario? Si tratta di un settore sempre piuttosto variegato e non certo florido come 30 anni fa, tuttavia se avete fiuto è ancora possibile concludere qualche buona trattativa. In tal senso valutate con cura: ad esempio non vi conviene optare per azioni da sviluppo lento se si cercano incassi importanti sulla breve distanza. Tra le migliori compagnie su cui poter investire nel 2017 troviamo Eni, Enel e Pirelli. Un’accortezza sull’azienda degli pneumatici: la IPO Pirelli sta arrivando in questi giorni (ne parlano, tra gli altri, anche Trend Online e Il Sole 24 Ore, che danno anche delle indiscrezioni sul futuro di Tronchetti Provera in azienda), per cui occhi aperti alle possibilità di trading in merito.

In chiusura, un aiuto importante potrebbe arrivare dal web: vi consigliamo infatti il sito MoneyFarm, che ha vinto il premio come Miglior Consulente Finanziario Indipendente.